1 novembre 2014

Kingston presenta DataTraveler Vault Privacy e Anti-Virus, le chiavette USB che proteggono la riservatezza dei tuoi dati

CONDIVIDI ARTICOLO

Kingston Digital Europe Co LLP, affiliata di Kingston Technology Company, Inc., il principale produttore indipendente di memorie del mondo, presenta DataTraveler Vault Privacy 3.0 (DTVP) il drive Flash USB Flash sicuro, e DataTraveler Vault Privacy 3.0 Anti-Virus, che aiuta le aziende a proteggere i dati aziendali e a impostare i criteri di sicurezza per gli utenti finali ad un prezzo abbordabile. DTVP 3.0 è caratterizzato da un sistema di crittografia delle informazioni riservate ed è anche disponibile separatamente con ClevX DriveSecurity™ la protezione anti-virus ESET basata su tecnologia ESET’s NOD 32®, che protegge gli utenti finali aziendali ovunque si trovino.

Mentre la forza lavoro diventa sempre più mobile, le aziende devono adottare le misure adeguate per educare i loro dipendenti e determinare le politiche di sicurezza in modo che i dati sensibili non siano accessibili a utenti non autorizzati o criminali informatici. Kingston DataTraveler® Vault Privacy 3.0 fornisce un’ottima protezione dei dati a prezzi accessibili con la crittografia hardware a 256-bit di tipo AES operante in XTS, che garantisce una protezione migliore rispetto alle modalità CBC e ECB. Questo è il primo drive USB sicuro di Kingston con prestazioni USB 3.0. DTVP30_DTVP30AV

DTVP 3.0 è disponibile anche nella versione facile da implementare e da usare (non richiede installazione), dotata di protezione anti-virus ESET/ClevX che protegge il contenuto del disco da virus, software indesiderati, rootkit o sovvenzionati da pubblicità, malware e altre minacce provenienti da internet. L’anti-virus ESET NOD32 prevede avvisi istantanei e viene fornito con una licenza pre-attivata di cinque anni.

Noi di ESET siamo orgogliosi di poter collaborare con uno dei leader mondiali in ambito di memorie. Con DriveSecurity ClevX, le chiavette USB Kingston aggiungono un altro importante livello di protezione e siamo sicuri che la tecnologia ESET offrirà un ulteriore beneficio sia a Kingston che agli utenti”, ha dichiarato Ignacio Sbampato, Chief Sales and Marketing Officer di ESET.

Ci sono molti esempi di violazioni derivanti dalla perdita o dal furto di drive Flash USB che hanno causato importanti falle nella sicurezza. Attacchi come il famigerato worm Stuxnet e il virus Flame continuano a incombere minacciosi. Di seguito alcuni esempi:

  • Nel Regno Unito, il Greater Manchester Police Department è stato multato per £150.000 dopo che un ufficiale aveva portato a casa un Flash drive contenente informazioni personali di più di 1.000 individui, chiaramente con conseguenze penali. Il drive, rubato quando la casa venne svaligiata, non era criptato o protetto in alcun modo da password.

  • Negli Stati Uniti, un contraente responsabile dello sviluppo del sistema di fatturazione del programma federale sanitario del Nord Carolina, ha perso un drive USB non crittografato contenente i dati personali di più di 50.000 fornitori di livello nazionale, compresi nomi, numeri di previdenza sociale, indirizzi e date di nascita.

Sono ormai parecchie le aziende che considerano seriamente la sicurezza e la protezione delle informazioni riservate, ma ancora non sono in grado di impostare o seguire perfettamente tutte le politiche di sicurezza”, ha dichiarato Fabio Cislaghi, Flash Business Development Manager di Kingston in Italia. “Le caratteristiche di sicurezza DTVP 3.0 e la protezione anti-malware di ESET, consentono alle aziende di migliorare la tutela dei dati sensibili. Inoltre, grazie alla tecnologia USB 3.0 e alla retrocompatibilità con il precedente standard USB 2.0, i drive DTVP 3.0 garantiscono massima sicurezza senza alcun compromesso in termini di velocità”.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

shared on wplocker.com